Elledierre ha uno spazio web

Cerca

Vai ai contenuti

edilizia

Ambiente

Come dovrebbe essere la casa in cui abitiamo? Secondo la bioedilizia dovrebbe, innanzitutto, respirare.

CASA COME TERZA PELLE

  • La prima pelle è il tessuto cutaneo che riveste il nostro corpo.
  • La seconda pelle è l’abbigliamento.
  • La terza pelle è l’edificio.


1) La prima pelle protegge gli organi, respira e produce secrezioni espellendo scorie metaboliche sia tossiche che non. Mediante il sudore vengono ristabiliti equilibri termici. I sistemi ghiandolari consentono una sana respirazione.

2) La seconda pelle rappresentata dagli indumenti. Proteggono l’uomo in diversi modi e alle diverse latitudini. Deve consentire la traspirazione e non favorire l’accumulo di sostanze elettrostatiche.

3) La terza pelle deve assolvere a due compiti principali:

  • garantire una termoregolazione rispetto alle temperature esterne e consentire un riparo dagli agenti atmosferici e geopatogeni
  • consentire una corretta aerazione e deumidificazione


Costruzioni in bioedilizia
L'edilizia ecologica nasce come reazione alla grave crisi ambientale di cui l'attività del costruire è pienamente responsabile, incidendo per un terzo circa sul consumo totale di energia nel mondo.
L'applicazione dei criteri di bioedilizia incontra ancora diverse difficoltà, i committenti per primi non sono abituati a pensare alle conseguenze ambientali delle proprie azioni. Tuttavia, si assiste ad un cambiamento nei comportamenti che nasce dalla paura per la propria salute e speriamo approdi ad una maggiore sensibilità verso i problemi ambientali.Bioedilizia

L'abbassamento del fabbisogno energetico per il riscaldamento sembra essere una risposta al dibattito sul crescente inquinamento atmosferico ed appare come la misura più efficace e più rapida per poter evitare la scomparsa delle foreste e la catastrofe climatica.
Le esperienze positive dei paesi del nord Europa dimostrano chiaramente che una coibentazione ben progettata e realizzata correttamente è la via più pratica e al tempo stesso più economica per la salvaguardia del nostro ambiente dai gas di scarico dei sistemi di riscaldamento a combustione.

La scelta dei materiali isolanti e da costruzione appare di fondamentale importanza, in quanto influisce sull'ambiente e sulla salute degli abitanti. I materiali comunemente usati oggi richiedono grandi consumi d'energia, esauriscono le risorse naturali e nella loro composizione è lasciato ampio spazio ad innumerevoli sostanze nocive.
Il consumo di energia primaria nella produzione è decisamente significativo nella valutazione ecologica dei materiali edili. In effetti se la fabbricazione e lavorazione di una certa quantità coibentante consuma alla fine più energia di quanta ne venga risparmiata sulla spesa di riscaldamento, questo sarebbe un cattivo impiego delle nostre sempre più esigue riserve energetiche future.

Materiali tradizionali quali argilla, calce, pietra, fibre vegetali, sono tuttora abbondanti e le scorte di legname possono essere garantite o migliorate con la gestione equilibrata dello sfruttamento del bosco.
materiali_isolantiQuesti materiali sono facilmente riciclabili, producono poco o nessun inquinamento e, una volta terminata la loro funzione edile, vengono riassorbiti nei cicli naturali dell'ambiente. L'utilizzo di materiali naturali e di soluzioni tecniche volte ad una maggior qualità edilizia garantiscono basse spese di gestione e manutenzione, oltre a benefici in termini di salute.
Ciò che si deve sviluppare è una nuova etica del costruire che riconosca il fondamentale rapporto tra l'ambiente costruito e l'ambiente naturale.
Al raggiungimento di questo obiettivo tutti possono e devono partecipare; sia i committenti sia i progettisti sono in grado di cambiare il mercato attraverso scelte che rispettino i principi della vita.

L'
Associazione Paea si pone davanti ad un interrogativo: è possibile procedere in un progetto, tenendo separati gli obiettivi di "Casa sana" e "Casa energeticamente efficiente"?
Dalle numerose esperienze, ci rendiamo conto che così facendo non si soddisfano le esigenze di comfort di coloro che andranno ad abitare l'edificio. Area Progetto di Paea integra e raggiunge i due presupposti attraverso un'attenta progettazione dei dettagli costruttivi, l'utilizzo dei materiali più idonei e un controllo in cantiere delle fasi di costruzione in modo da ottenere un'alta qualità abitativa che porta a completamento il concetto di Casa Passiva.

per maggiori informazioni

Volete tinteggiare la casa? Io ho usato i prodotti della Keim Farben e sono pienamente soddisfatto. Per gli interni ho usato Biosil. Vedi sotto.
Per conoscere i rivenditori nel Veneto clicca qui.


Home Page | Ambiente | Riflessioni | Cose strane | Strumenti & Voci | Archivio fotografico | Scuola | Meteo | Mappa del sito


Menu di sezione:

Aggiornato il 18 mar 2011. Oggi è

Torna ai contenuti | Torna al menu